Questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, leggi la nostra Cookie Policy.
All’interno del sito c’è sempre un link a tale informativa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie, altrimenti rimarranno disabilitati. Questo avviso ti verrà riproposto tra un mese.

Giovedì, 19 Marzo 2020 10:24

PERSISTENZA DEL VIRUS SARS-CoV-2 SU ALCUNI MATERIALI

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Il 17/03/2020 è stato pubblicato su “The New England Journal of Medicine” uno studio sul tempo di sopravvivenza della parte infettiva del virus SARS-CoV-2, paragonato con quello del virus SARS-CoV-1, su superfici di diversi materiali. Lo studio è stato condotto da alcuni ricercatori di queste università: 

National Institute of Allergy and Infectious Diseases Hamilton, MT

University of California, Los Angeles Los Angeles, CA

Centers for Disease Control and Prevention Atlanta, GA

I risultati vanno a stimare, tra altre cose, anche il tempo di decadimento di una quantità infettiva di virus su questi materiali: rame, cartone, acciaio, plastica.

Ecco i risultati:

Riassumendo, si sono trovate evidenze di sopravvivenza di quantità infettive di virus SARS-CoV-2 su superfici in acciaio e plastica anche fino a 72 ore dopo l’applicazione, su cartone fino 24 ore e su rame fino a 4 ore dall’applicazione.

Conclusioni in termini di misure di prevenzione e protezione

Visti i risultati dello studio sopra riportato si propongono le seguenti misure di prevenzione protezione durante l’attività lavorativa:

  • Contatto con materiali, attrezzature, oggetti, superfici in rame di cui non si conosce la storia dei contatti nelle ultime 4 ore:
  • Se possibile igienizzare la superficie prima del contatto.
  • Dopo il contatto non toccare viso, occhi, naso e bocca.
  • Dopo il contatto lavarsi immediatamente le mani con acqua e sapone o con soluzione a base alcolica.
  • Se si fa uso di guanti monouso, smaltire adeguatamente i guanti in modo che non possano venire in contatto con altre persone.
  • Se si fa uso di guanti riutilizzabili, dopo aver tolto i guanti non toccarsi viso, naso, occhi e bocca e lavare immediatamente le mani con acqua e sapone o soluzione a base alcolica.
  • Contatto con materiali, attrezzature, oggetti, superfici, imballaggi in cartone di cui non si conosce la storia dei contatti nelle ultime 24 ore:
    • Se possibile igienizzare la superficie prima del contatto
    • Dopo il contatto non toccare viso, occhi, naso e bocca
    • Dopo il contatto lavarsi immediatamente le mani con acqua e sapone o con soluzione a base alcolica
    • Se si fa uso di guanti monouso, smaltire adeguatamente i guanti in modo che non possano venire in contatto con altre persone.
    • Se si fa uso di guanti riutilizzabili, dopo aver tolto i guanti non toccarsi viso, naso, occhi e bocca e lavare immediatamente le mani con acqua e sapone o soluzione a base alcolica.
  • Contatto con materiali, attrezzature, oggetti, superfici, imballaggi in acciaio o plastiche di cui non si conosce la storia dei contatti nelle ultime 72 ore:
    • Se possibile igienizzare la superficie prima del contatto
    • Dopo il contatto non toccare viso, occhi, naso e bocca
    • Dopo il contatto lavarsi immediatamente le mani con acqua e sapone o con soluzione a base alcolica
    • Se si fa uso di guanti monouso, smaltire adeguatamente i guanti in modo che non possano venire in contatto con altre persone.
    • Se si fa uso di guanti riutilizzabili, dopo aver tolto i guanti non toccarsi viso, naso, occhi e bocca e lavare immediatamente le mani con acqua e sapone o soluzione a base alcolica.
  • Contatto con materiali, attrezzature, oggetti, superfici, imballaggi in altri materiali su cui non si hanno evidenze scientifiche riguardo al tempo di sopravvivenza di quantità infettive di virus SARS-CoV-2:
    • In via cautelativa prendere le stesse misure sopra descritte per l’acciaio e le plastiche


Riferimenti

Aerosol and Surface Stability of SARS-CoV-2 as Compared with SARS-CoV-1 – 17/03/2020

Neeltje van Doremalen, Ph.D.,Trenton Bushmaker, B.Sc.,National Institute of Allergy and Infectious Diseases, Hamilton, MT. | Dylan H. Morris, M.Phil., Princeton University, Princeton, NJ | Myndi G. Holbrook, B.Sc., National Institute of Allergy and Infectious Diseases, Hamilton, MT | Amandine Gamble, Ph.D., University of California, Los Angeles, Los Angeles, CA | Brandi N. Williamson, M.P.H., National Institute of Allergy and Infectious Diseases, Hamilton, MT | Azaibi Tamin, Ph.D., Jennifer L. Harcourt, Ph.D., Natalie J. Thornburg, Ph.D., Susan I. Gerber, M.D., Centers for Disease Control and Prevention, Atlanta, GA | James O. Lloyd-Smith, Ph.D., University of California, Los Angeles, Los Angeles, CA, Bethesda, MD | Emmie de Wit, Ph.D., Vincent J. Munster, Ph.D., National Institute of Allergy and Infectious Diseases, Hamilton, MT

Letto 162 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
The best bookmaker in the UK William Hill - whbonus.webs.com William Hill
Bokmakers www.artbetting.net website.
Get free Wordpress Templates - Wordpress - BIGTheme.net